2047, Apocalyptic Climate. Racconti dal futuro

Per parlare di narrativa, questa volta, iniziamo con un appello (caduto nel vuoto).


Senza parafrasi (…) una narratrice intimamente religiosa, ortodossamente cattolica, sostenitrice dell’importanza dei dogmi, la quale – vissuta quasi tutta la vita in un piccolo paese del Sud provinciale e agricolo degli Stati Uniti, colpita da una malattia genetica, il lupus erythematosus, che porterà via il padre della ragazza, e poi si manifesterà come un destino del sangue sul suo corpo di venticinquenne, deturpandole progressivamente i lineamenti, minandole pesantemente il fisico, per condurla alla morte a soli trentanove anni – ha avuto la dedizione di consacrare questa breve e dolorosa esistenza al dono assoluto della scrittura.

Era il gennaio del 2015 e Barack Obama, nel suo discorso sullo Stato dell’Unione, lanciava un appello a favore della lotta al riscaldamento globale parlando apertamente di «rischio immediato per la sicurezza nazionale».

2047, Apocalyptic Climate. Racconti dal futuro
Photo by Sam Bark on Unsplash

Ora, affrontare il tema è molto complesso. Per comprenderlo davvero e in tutte le sue implicazioni occorre infatti far riferimento a nozioni di statistica, fisica e biologia. Conoscenze e informazioni che possono non essere a disposizione di tutti. Altro problema, e forse il più importante, è la scarsa efficacia comunicativa di chi si occupa di questo tema; escluso Al Gore che con il suo film Unconventional Truth è stato il primo e finora uno dei pochi a rendere attrattivi i numeri e i dati legati al riscaldamento globale.

Per nostra fortuna, però, esiste internet dove è possibile ricercare autonomamente articoli scientifici e scoprire iniziative che sensibilizzano e accrescono il grado di consapevolezza rispetto a questa emergenza. Tra queste è da segnalare The Best Climate Solutions, la piattaforma promossa dal Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici che da ormai cinque anni seleziona i migliori progetti sul tema. Per il 2018, tra l’altro, sono ancora in corso le votazioni (al vincitore andrà un premio di 3000 euro e chi vuole fino al 15 ottobre, può ancora esprimere la propria preferenza).

La notizia che interessa noi di Tre racconti, però, è che quest’anno tra le proposte arrivate in finale nella categoria “Education and Media” c’è anche una raccolta di dieci racconti dal titolo 2047. Short Stories from our Common Future, curata da una delle autrici, Tanja Rohini Bisgaard.

I racconti sono tutti ambientati nel 2047 e i dieci autori che la firmano provano a immaginare come sarebbe la nostra vita tra meno di trent’anni in condizioni di clima estremo, spaziando dal distopico al fantascientifico.

Ad aprire è Still Waters di Kimberly Christensen che immagina di un mondo senza più balene, estinte a causa del riscaldamento globale. La trama si snoda tra una spiaggia/cimitero dove si è suicidato l’ultimo branco di balene esistenti e l’ennesima epidemia che affligge la comunità locale. Due piani che si alternano e si intrecciano di continuo dimostrando come le nostre esistenze non possano considerarsi slegate da ciò che succede in natura.

racconti cambiamenti climatici
Photo by Abhay Vyas on Unsplash

Non c’è, però, solo spazio alla sfiducia. A Modern Cronkite di Richard Friedman è il diario degli ultimi giorni di vita di un giornalista che descrive la fatica di vivere su un pianeta in cui viene razionato anche l’ossigeno. Ma nonostante tutto la speranza non è persa perché i membri di una società segreta dispiegata su tutto il pianeta decidono di ripiantare alberi rischiando la loro stessa vita a causa del clima estremo.

Poi ci sono soluzioni fantasiose. Isaac Yuen immagina una macchina del tempo molto costosa con la quale l’uomo può viaggiare indietro nel tempo e tornare alla fine del XX secolo quando in estate la temperatura non superava i 50 gradi. In The Outcast Gem Tanja Rohini Bisgaard racconta di un’altra macchina che estrae CO2 dall’atmosfera e la trasforma in diamanti perfetti. Oppure c’è lo spray contenente batteri in grado di metabolizzare le microplastiche disperse negli oceani descritto da John A. Frochio in Driftplastic.

Certo, parlare di futuro attraverso il genere fantascientifico per qualcuno potrebbe essere banale, ma accade anche che la realtà superi l’immaginazione, come nel caso degli scienziati che oggi stanno lavorando a soluzioni ancora più bizzarre per tentare di arginare i cambiamenti climatici.

È il caso di un progetto di David Keith, professore di fisica applicata ad Harvard, che propone di irrorare nell’aria solfati in grado di bloccare parzialmente i raggi solari creando così un effetto inverso a quello “serra”, replicando sostanzialmente ciò che avviene durante un’eruzione vulcanica. La ricerca sull’irrorazione di solfati in atmosfera è tuttora in atto ad Harvard e chissà che non possa essere una buona soluzione per arrestare il riscaldamento globale.

cambiamenti climatici racconti dal futuro
Photo by Cristina Gottardi on Unsplash

E in Italia? In queste settimane di caos generale tra dibattiti su politica, economia e ricette magiche per risollevare le sorti del nostro Paese, trovo paradossale che non si parli di riscaldamento globale, un problema che abbiamo sotto i nostri occhi. Anche i negazionisti dalle nostre parti dovrebbero capire che il riscaldamento globale è reale e che dovremmo cominciare a parlarne.

Basterebbe chiedere ai cittadini di Miami, che vedono le strade allagate anche senza nubi all’orizzonte, o a chi studia Venezia che è perfettamente consapevole dell’insufficienza del progetto MOSE; già antiquato perché l’innalzamento delle acque avverrà da diverse direzioni non contemplate dal progetto (anche qui le alternative bizzarre non mancano: ad esempio iniettare cm cubici di acqua salata nel sottosuolo per innalzare Venezia di 30 cm. Come si dice in questi casi: ai posteri l’ardua sentenza).

Tornando alla narrativa, spero di poter leggere ancora raccolte e racconti sul cambiamento climatico perché occorre accrescere la consapevolezza generale sui rischi reali che corriamo e ogni forma di comunicazione che lo dovesse fare sarebbe la benvenuta. Senza aspettare troppo, però. Perché come scrisse Voltaire: «Gli uomini discutono. La Natura agisce».

48 Condivisioni

Dì la tua!